Torna alla ricerca delle sagre!

BUSSETO

BUSSETO
Importante centro agricolo della Bassa parmense, Busseto si trova all’estremità nord occidentale della provincia di Parma, a circa 40 km a nord-ovest dalla città di Parma e a circa 8 km a sud del fiume Po.
 
Il territorio pianeggiante a nord della via Emilia offre diversi motivi di interesse e spunti di visita. Ma l’importanza di questa zona è soprattutto collegata alla figura di Giuseppe Verdi (1813-1901), nato nella vicina frazione di Roncole e vissuto gran parte della sua vita a Busseto. La figura del Maestro continua ancor oggi ad affascinare non solo gli appassionati di musica, ma anche tutti coloro che sono interessati alla vicenda umana del compositore, profondamente legata al nostro Risorgimento.

Grazie poi alle caratteristiche ambientali della Pianura Padana lungo il fiume Po, una menzione merita sicuramente la fiorente produzione di insaccati prelibati, tra cui salami, coppe, fiocchetti fino ad arrivare al culatello.

Collegiata d San Bartolomeo Apostolo

Edificata nel 1336 sui ruderi di una chiesa preesistente, la collegiata di San Bartolomeo Apostolo fu completamente ricostruita in stile gotico su iniziativa del marchese Rolando il Magnifico; gli interni furono ristrutturati in stile rococò intorno alla metà del XVIII secolo. La chiesa conserva importanti opere, tra cui gli affreschi della cappella della Beata Vergine della Concezione, realizzati da Michelangelo Anselmi fra il 1538 ed il 1539. Sono del pittore Giuseppe Moroni le stazioni della Via Crucis; i due grandi affreschi nell'abside (1942-43): uno con i momenti salienti della Passione di Gesù e l'altro inneggiante alla Vita e glorificazione della Vergine; le due vetrate raffiguranti i Santi Vigilio e Giusto nella cappella dedicata ai caduti. Il ricco Tesoro della Collegiata è costituito da numerosi paramenti sacri, argenterie, libri miniati e altri oggetti preziosi.

Chiesa di Sant'Ignazio di Loyota

Finanziato dal lascito del nobile bussetano Pietro Pettorelli, il collegio gesuitico fu edificato in stile barocco a partire dal 1617; l'attigua chiesa, progettata dall'architetto Francesco Pescaroli, fu terminata nelle strutture solamente nel 1682. Nel 1768 il collegio fu chiuso in seguito alla cacciata dei Gesuiti e adibito dapprima a scuola, poi ad abitazione privata, caserma ed ospedale, fino all'attuale utilizzo quale casa protetta. La navata interna della chiesa, decorata con maestosi stucchi, realizzati da Domenico Dossa e Bernardo Barca nel 1687, ospita alcune opere di pregio, tra cui la pala d'altare raffigurante la Gloria di Sant'Ignazio, dipinta agli inizi del XVIII secolo da Ilario Spolverini.

Villa Pallavicino

Edificata in stile rinascimentale a partire dal 1518 per volere del condottiero Matteo Marri, la villa fu acquistata intorno al 1530 dai marchesi Pallavicino, che la adibirono a residenza estiva; sopraelevata verso la fine del XVII secolo, intorno al 1700 fu decorata da vari artisti con affreschi e stucchi di gusto barocco e rococò, che ne decorano tuttora numerosi ambienti; acquistata nel XX secolo dal Comune di Busseto, fu trasformata nel 2009 nella sede del museo nazionale Giuseppe Verdi. L'edificio, circondato da una peschiera quadrata, è preceduto dall'arco del Corpo di guardia, arco trionfale a un fornice di gusto barocco innalzato nella seconda metà del XVII secolo su progetto dell'architetto Domenico Valmagini. Nel parco sorge anche il grande palazzo delle Scuderie, edificato agli inizi del XVIII secolo in stile barocco e completamente restaurato dopo il 2011; al suo interno ha sede dal 2014 il museo Renata Tebaldi.

Da non perdere

A pochi passi da Piazza Verdi merita una sosta la Salsamenteria Storica Baratta, sorta nel 1873, luogo accogliente dove gustare i prodotti tipici, i vari salumi e formaggi, accompagnati dal buon vino locale. Il tutto con il sottofondo delle musiche verdiane. Tra i clienti più famosi del locale vi era proprio Giuseppe Verdi.
Sulla tavola
Busseto è una delle tappe dell’itinerario della Strada del culatello che si snoda interamente fra la via Emilia e il fiume Po. 
Per tenersi in forma
Un modo alternativo per visitare Busseto e il luoghi verdiani, soprattutto per chi ama la natura e lo sport, è quello di percorre in bicicletta il tratto da Polesine Parmense lungo l’argine del Po fino all’Ongina per poi raggiungere Busseto. Da qui, dopo aver visitato i luoghi più importanti, si riparte in direzione Soragna, facendo però prima una sosta a Roncole.
Appuntamenti di rilievo
Eventi di spicco ricorrenti ogni anno a Busseto sono il Carnevale bussetano, che risale al 1879, con sfilate di magnifici carri mascherati dai quali vengono lanciati fiori, dolci e arance, e il Festival Verdi, l’appuntamento d’ottobre più atteso dell’anno che si celebra in onore della nascita del Maestro.
 


Gallery



Gallery

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario

Le sagre in zona

Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO