Torna alla ricerca delle sagre!

SAN SECONDO PARMENSE

SAN SECONDO PARMENSE

L'importante centro agricolo di antiche origini, posto sulla Strada del Culatello, fu feudo e residenza ufficiale dei conti e marchesi Rossi fino al 1817.

Musei e monumenti di rilievo: Castello risalente alla metà del '400 fatto costruire da Pier Maria Rossi; Chiesa dell'Annunciata; Oratorio del Serraglio; Pieve di San Genesio monumento romanico più antico della bassa parmense.

 

Spalla di San Secondo

La spalla di San Secondo è uno dei salumi più antichi di cui si abbia menzione nel territorio parmense. In una pergamena del 1170 conservata nel Capitolo della Cattedrale di Parma, la spallam spalam della corte di San Secondo compare come corrispettivo in natura per l'utilizzo da parte dei coloni delle terre ecclesiastiche. 

Nei secoli successivi il commercio del salume si espande anche al di fuori del parmense. 

Anche Giuseppe Verdi fu un estimatore della spalla, tanto da nominarla in una lettera inviata al conte Arrivabene nel 1872: «Io non diventerò feudatario della Rocca di San Secondo, ma posso benissimo mandarti una spalletta di quel santo. Anzi te l’ho già spedita stamattina per ferrovia. Quantunque la stagione sia un po’ avanzata, spero la troverai buona»

Attualmente la spalla è riconosciuta come prodotto agroalimentare italiano. Si ricava dalla zampa del suino. La versione cotta è molto più diffusa di quella cruda, per il differente tipo di lavorazione. 

Nella versione cruda viene affilata sottilmente e talvolta accompagnata al burro.

Nella versione cotta viene tagliata grossolanamente e servita ancora calda. Ottima in abbinamento con torta fritta e vino Fortana. 

La Rocca si erge a occidente del borgo. Il complesso architettonico, che prende origine dal nucleo quattrocentesco voluto da Pier Maria Rossi, nel corso del XVI secolo, viene trasformato in signorile residenza monumentale da Troilo I, Pier Maria III, Troilo II. Artisti quali Bertoja, Samacchini, Procaccini, Baglione, organizzano nelle sale al piano nobile, un imponente ciclo pittorico di modello profano per favole, miti e storia del casato. Emergono il cortiletto e lo scalone d'onore, la superba sala delle Gesta Rossiane, le raffinate decorazioni in stucco delle sale dei Cesari e dell'Asino d'oro.
Disastrose demolizioni ottocentesche portano la struttura all'immagine odierna.

Il MuseoAgorà Orsi Coppini, Centro culturale dell'Olio e dell'Olivo, è un percorso emozionale in cui l'Extravergine diventa logos, immagine, artigianato, cultura che si può assaporare, che traduce in esperienza diretta un sapore di generazioni; un laboratorio di incontri, intriso di Natura e Vita. Il MuseoAgorà, un ex caseificio dell'800 per la lavorazione del Parmigiano-Reggiano, nel cuore della Food Valley, che diventa scenografia di una cultura ritrovata e riportata in questa terra dopo un migliaio di anni. 



Gallery



Gallery

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario

Le sagre in zona

Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO