Torna alla ricerca delle sagre!

BOMPORTO

BOMPORTO
Bomporto è un comune di 10.000 abitanti situato a una decina di km da Modena. Fa parte dell’Unione dei comuni del Sorbara. Già dal nome (“Buon Porto”) la storia del paese è strettamente connessa a quella dei suoi corsi d’acqua.
Attraversato dal Canale Naviglio e dai fiumi Secchia e Panaro, il territorio comunale ha visto per secoli transitare l’intenso traffico fluviale che collegava Modena con Venezia e l’Adriatico. Le inondazioni susseguitesi nei secoli (comprese le ultime, nel 2014 e 2017) e il conseguente deposito di limi hanno reso il terreno della zona particolarmente fertile, favorendo la coltivazione di vitigni che hanno reso Bomporto la terra del lambrusco. Cinque le frazioni: Sorbara, Solara, Villavara, Gorghetto e San Michele.

CHIESA DI SAN NICOLA
Situata in piazza Roma, la Chiesa di San Nicola risale al 1609. Al suo interno si può ammirare la bella crocefissione con la Beata Vergine e San Giovanni del Begarelli risalente al 1550.

DARSENA
L’eccellenza architettonica più significativa è la Darsena (o Sostegno) costruita nella seconda metà del XVIII , su richiesta di Francesco II d’Este. E’ un’interessante opera idraulica eretta allo scopo di regolare le acque alla confluenza del Naviglio con il fiume Panaro. Nel punto di confluenza dei due corsi d’acqua, in direzione Solara, si incontra il ponte ove si possono ammirare le Porte Vinciane due enormi ante in cemento progettate da Leonardo da Vinci e costruite per consentire il blocco dell’afflusso del Canale sul Panaro quando quest’ultimo supera un determinato livello. Le porte Vinciane sono automatizzate in base al livello dell’acqua. Restaurate anche con contributo FAI.


LE VILLE
Sul territorio di Bomporto sono dislocate diverse ville signorili costruite a partire dal XVII secolo, utilizzate da signori e nobili di Modena come residenze di campagna.
Le ville si affacciano sul corso del Panaro, testimonianza diretta della vocazione fluviale del territorio; tra queste sono da segnalare: Villa Scribani-Rossi, Villa Cavazza-Corte della Quadra, Villa La Garandina, il Palazzo Rangoni, Villa Manetta, Villa Reggiani-Gavioli, Villa Corni, Villa Benatti, Villa Cavicchioli, Villa Maria, Villa Guidelli, Villa Bruini-Federzoni, Villa Luppi e Villa Paltrinieri.  

PIEVE DI SORBARA (Attualmente in restauro)
In località Sorbara si può ammirare la Pieve (816  d.C.) intitolata a San Vincenzo e fatta erigere su originario impianto romanico. Dopo la battaglia del 2 luglio 1084, la Pieve viene distrutta e Matilde di Canossa, in segno di ringraziamento per la sua vittoria, la fa riedificare a sue spese, intitolandola a Santa Agnese. Notevole è il Campanile in mattoni che risulta come un’imitazione della modenese Ghirlandina, chi sale sul Campanile rimane colpito e affascinato dalla campagna verde che circonda Sorbara con gli inconfondibili vigneti. Due sono le curiosità legate al Campanile: i mattoni fatti con il “Lambrusco” e il suono delle Campane.

Leggi di più...

Gallery



Gallery

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario
Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO