Torna alla ricerca delle sagre!

VERONA

VERONA

Verona è un comune italiano di 257 275 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia situata in Veneto. È la seconda città della regione per popolazione dopo il capoluogo, Venezia. Nota per essere il luogo della tragedia di Romeo e Giulietta, Verona si è sviluppata progressivamente e ininterrottamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di alta qualità dei diversi periodi che si sono succeduti, tra i quali si ricordano in particolare il governo della famiglia Della Scala, e il dominio della repubblica di Venezia tra l'inizio del Quattrocento e la fine del Settecento; per la sua arte e architettura e per la sua struttura urbana, "eccellente esempio di città fortificata", Verona è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

ARENA DI VERONA Edificata agli inizi del I sec d.C. fuori la cinta muraria, l'Arena si sviluppa su pianta ellittica a cerchi concentrici costruiti in blocchi calcarei di colore bianco e rosa.
Dell'anello esterno, alto circa 30 m, rimane oggi soltanto la cosiddetta 'Ala', di quattro arcate a tre ordini decorate da lesene e cornici. E' intatta anche la seconda cinta a due ordini di 72 arcate.
All'interno, l'amplissima gradinata a linee concentriche, accoglie ogni anno numerosissimi spettatori regalando emozioni uniche nei diversi spettacoli lirici e musicali. Oggi l'Arena è interamente parte del cuore di Verona, dopo che nel 265 d.C. l’Imperatore Gallieno decise di difenderla dalle invasioni barbariche includendola nella cinta muraria cittadina.

PIAZZA BRA  L'Arena è il simbolo della città ed è situata nella bellissima Piazza Bra.
Lungo il fianco occidentale della piazza è possibile ammirare i Portoni della Brà e l'imponente Palazzo della Gran Guardia.
A sud si trova il neoclassico Palazzo Barbieri, sede attuale dell'amministrazione comunale.
Sul lato settentrionale è ospitato il rinomato Liston, la passeggiata veronese per eccellenza e il Palazzo Honorij Guastaverza.
Alla fine del Liston si imbocca Via Mazzini, la più frequentata ed elegante via della città.

MUSEO LAPIDARIO MAFFEIANO Istituito nel 1745 dall'appassionato veronese di storia e cultura Scipione Maffei, il museo vide prima il riordino di alcune epigrafi di origine etrusca, greca e romana acquistate dall'Accademia Filarmonica e poi l'aggiunta di nuovi antichissimi pezzi. Il materiale è disposto in sezioni cronologiche sia nel cortile di accesso al ridotto del Teatro Filarmonico, sia nei sotterranei che in due sale superiori.
Posizionato in corrispondenza delle mura medioevali che congiungevano Piazza Brà e Castelvecchio, la sistemazione del 1982 su progetto dell'Architetto Arrigo Rudi, ha evidenziato il maestoso pronao neoclassico.

CASA DI GIULIETTA Casa Capuleti, meglio nota come casa di Giulietta, risale al XIII secolo. E' una casa torre, per lungo tempo di proprietà della famiglia Dal Cappello, il cui stemma è scolpito sull’arco interno del cortile. La facciata in mattoni a vista è decorata da eleganti finestre trilobate, tra cui spicca il famoso balcone dal quale Giulietta si sarebbe affacciata per parlare al suo Romeo.

PIAZZA ERBE Tutte le strade del centro storico di Verona portano a questa bella piazza.
Antico foro romano, la piazza ospita oggi un animato e pittoresco mercato (tutti i giorni tranne la domenica). Nel centro si possono osservare la Fontana di Madonna Verona e il Capitello.
A fare da cornice a Piazza Erbe troviamo la Torre dei Lamberti, sulla destra le Case Mazzanti con gli affreschi, sulla sinistre le alte Case del Ghetto e la merlata Domus Mercatorum.

PALAZZO DELLA RAGIONE Palazzo della Ragione si trova nell'angolo sud-est di Piazza dei Signori e si raggiunge da Piazza Erbe passando sotto l’arco di via della Costa.  Nello stesso angolo si sviluppa verso l’alto la Torre dei Lamberti che offre una splendida vista della città e del panorama circostante. Come gli altri palazzi della piazza, nel corso dei secoli Palazzo della Ragione è stato il fulcro del potere politico cittadino; nonostante gli incendi l'abbiano rovinato, ancora oggi rappresenta un magnifico esempio di architettra civile romanica, grazie anche alle recenti ristrutturazioni. Bellissima la parte esterna dell'edificio con i corsi alterni di pietra e mattoni.
All'interno si nasconde un gioiello affrescato: la Cappella dei Notai, la quale vanta opere dei veronesi.
Appartenente a Palazzo della Ragione è la Scala della Ragione, così chiamata perché, fino a due secoli fa, portava proprio all’interno del Tribunale. La scala, in stile gotico, in origine era coperta e risale al XV secolo.
A partire da aprile 2014 Palazzo della Ragione è la nuova sede della Galleria d’Arte Moderna Achille Forti e ospita le collezioni comunali per la prima volta unite a quelle della Fondazione Cariverona e della Fondazione Domus.
L’unione di queste sorprendenti raccolte mostra per la prima volta al pubblico, opere straordinarie dal 1840 al 1940 che raccontano la storia di Verona.

COMPLESSO DEL DUOMO E MUSEO CANONICALE Costruito nel XII secolo sull’area di una chiesa altomedioevale e di due precedenti cattedrali paleocristiane del IV e del V secolo, i cui resti sono ancora visibili sotto S. Elena e il Chiostro, il Duomo presenta un’armoniosa facciata romanica, esaltata dalla singolare bellezza del portale e del protiro. L’interno ha invece struttura gotica e decorazione ad affreschi rinascimentali e custodisce, fra inestimabili tesori d’arte, anche una pala del Tiziano, l’Assunta (1535). La Biblioteca Capitolare, primeggia nell’area della cultura latina per i suoi volumi di altissimo valore. In essa si rincorrono contenuti biblici, conciliari, liturgici, giuridici e scientifici che attraversano i secoli e che contemplano tutti i generi di scrittura delle varie epoche storiche.

CASTEL SAN PIETRO Costruito vicino all'antica chiesa romanica di San Pietro in Castello, dalla quale prende il nome, nel corso dei secoli passò sotto le varie dominazioni e subì molte modifiche strutturali fino ad assumere la forma ancora oggi ben visibile.
Costruito nel 1398 per volere di Giangaleazzo Visconti sulle rovine della rocca che fu edificata da Berengario sul finire del IX secolo, il castello era situato in una posizione strategica che gli permetteva di dominare tutta la città. Nel 1450 venne unito al sistema di mura medievali e restò tale fino al 1801 quando fu fatto saltare dai francesi poco prima di abbandonare la riva sinistra dell'Adige per ritirarsi su quella destra. Quando subentrarono gli austriaci demolirono ciò che restava del castello visconteo per costruirvi una caserma.  Il castello, di proprietà del comune dal 1932, è stato acquistato dalla Fondazione Cariverona e si sta ora discutendo sulla sua destinazione che pare essere quella di area culturale o museo collegato con la città magari tramite il ripristino di una teleferica o la costruzione di scale mobili.

 














Cosa visitare in zona


Gallery



Gallery

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario
Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO