Torna alla ricerca delle sagre!

BRISIGHELLA

BRISIGHELLA

E' un comune italiano di 7598 abitanti in provincia di Ravenna, ubicato a 115 metri s.l.m. nella bassa Valle del Lamone, alle pendici dell'Appennino tosco-romagnolo

IL BORGO MEDIOEVALE DI BRISIGHELLA ED I SUOI TRE COLLI Brisighella è un borgo antico, che si adagia ai piedi di tre inconfondibili pinnacoli rocciosi su cui poggiano una Rocca del XV secolo, la Torre cosiddetta dell’Orologio ed il Santuario del Monticino.  I reperti archeologici testimoniano come la vallata del Lamone ospitasse insediamenti umani fino dall’età neolitica e, successivamente, anche popolazioni di origine celtica; ma fu l’occupazione romana a valorizzarla con la costruzione della Via Faentina (in origine Via Antonina) percorsa dalle carovane che portavano il sale dalle Saline di Cervia a Roma.Le origini del borgo risalgono alla fine del Duecento quando Maghinardo Pagani, considerato il più grande condottiero medioevale della Romagna (citato anche da Dante nella Divina Commedia) edificò su uno dei tre colli quella che divenne la torre fortificata più importante della vallata, ai cui piedi si sviluppò il Borgo.

DA NON PERDERE Arte, storia e architettura a Brisighella si fondono in maniera emozionante. Il borgo è composto da un dedalo di antiche viuzze, tratti di cinta muraria e scale scolpite nel gesso.Nel centro storico domina l’Antica Via del Borgo, una strada coperta del XII secolo, sopraelevata ed illuminata da mezzi archi di differente ampiezza, baluardo di difesa per la retrostante cittadella medioevale. Famosa in virtù della sua architettura particolarissima, è nota come “Via degli Asini” per il ricovero che offriva agli animali dei birocciai che l’abitavano. A Brisighella, che ha dato i natali ad otto cardinali, gli edifici sacri sono numerosi: su tutti spicca la Pieve di S. Giovanni in Ottavo, (o Pieve del Thò), eretta attorno al quinto secolo e ricostruita in forma più ampia tra l’XI e il XII, all’ottavo miglio dell’antica via romana che da Faenza portava in Toscana.

IL PARCO REGIONALE DELLA VENA DEL GESSO Brisighella e il suo territorio, compreso tra l’Appennino settentrionale e la pianura romagnola, fino ad arrivare al confine con la Toscana, evidenzia certamente ambienti e paesaggi molto particolari e dal punto di vista geologico-naturalistico elementi distintivi, in alcuni tratti unici. Tappa obbligata per ammirare le bellezze naturali è il Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, la più spettacolare e importante peculiarità del nostro territorio, che si staglia nettamente all’orizzonte come una catena montuosa. Il Parco regionale costituisce uno degli elementi geografici e geologici più caratteristici dell’Appennino Romagnolo. L’area protetta si estende dalla vallata del Fiume Lamone a quella del Torrente Sillaro e interessa il territorio di sei comuni: Brisighella, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Casola Valsenio, Fontanelice, Riolo Terme. Attraversa due province, Bologna e Ravenna. 

I CALANCHI Tra i paesaggi unici inoltre spiccano per la loro particolare conformazione i Calanchi, sviluppati in una fascia continua che parte dalla valle del Sillaro fino alla valle del Ronco, e caratterizzati da un paesaggio spoglio e intensamente solcato da strette vallecole, spesso separate tra loro da affilate creste rocciose. La particolare struttura di questi rilievi deriva principalmente dal tipo di terreno presente, rocce argillose e impermeabili di colore grigio-azzurro, e dall’azione erosiva degli agenti atmosferici, soprattutto dalle acque dilavanti. I calanchi si sono creati quando l’estesa depressione padana era occupata dal mare, diventando il Golfo Padano: a testimonianza della presenza di un antico mare c’è la presenza di numerose specie fossili marine, microfossili (come foraminiferi, diatomee e coccolitoforidi) e macrofossili visibili ad occhio nudo, principalmente molluschi (gasteropodi e lamellibranchi).


Gallery



Gallery

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario

Le sagre in zona

Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO