Torna alla ricerca delle sagre!

GUASTALLA

GUASTALLA

Nelle sue strade, nei suoi palazzi, nelle sue chiese, nei suoi monumenti, Guastalla conserva il fascino discreto di una antica capitale.
L'antica via Gonzaga, è un sistema di strade a scacchiera che conduce alla piazza, cuore della città, dominata dalla bella statua di Ferrante Gonzaga, opera di Leone Leoni.
Qui si affacciano il Duomo cinquecentesco, con facciata di fine 800, il palazzo Ducale (1567), in gran parte rifatto, il Municipio, con sotto il portico i modelli delle antiche unità di misura.
Un suggestivo viale porta ai boschi sulla rive del Fiume Po.

 PICCOLO MUSEO DELLA MOTO  Esemplari significativi perché hanno messo in movimento la passione degli italiani a partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, sia nell'uso quotidiano, sia per le competizioni.
Il ben ordinato percorso museale ha lo scopo di illustrare didatticamente l'evoluzione della tecnica motoristica italiana dall'immediato dopoguerra fino agli anni del boom e del benessere economico.
I visitatori saranno accompagnati da una guida addetta alle spiegazioni di carattere tecnico.
Nel museo è possibile accedere ad una saletta dove vengono proiettati filmati di competizioni motociclistiche degli anni 50-60-70.

PALAZZO DUCALE Il Palazzo racconta una lunga e complessa storia di sovranità. Residenza "nuova" dei conti Torello; con i Gonzaga, signori di Guastalla dal 1539, fu sede di una vera e propria corte. La sua edificazione è legata al nome di Francesco Capriani, ma sarà l'architetto Tommaso Filippi a completarne i lavori nel 1570, con l'aggiunta del giardino all'italiana, della Galleria dei marmi e delle decorazioni compiute da Bernardino Campi. Accolse poeti e artisti come il Tasso, il Guarini, Il Guercino e i Campi.
Recentemente passato a proprietà pubblica, dopo importanti lavori di consolidamento strutturale e restauro post-sisma ospita al primo piano spazi espositivi per mostre temporanee e il Museo (ancora da definire), al pian terreno è sede dell'Atelier di Palazzo Ducale, dell'Ufficio Informazioni Turistiche, dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico e servizi privati. 

LA CATTEDRALE Fu consacrata nel 1575 dal cardinale Borromeo, arcivescovo di Milano e cognato del Signore di Guastalla. Le due statue di San Pietro e di San Paolo, custodite presso la Cattedrale, furono donate dal cardinale Borromeo prima del suo ritorno a Milano. La chiesa ha subito numerose modifiche nel corso dei secoli. Nel 1671 l’architetto Antonio Vasconi realizzò la Cappella laterale del Santissimo Sacramento. Nel 1813 venne trasformato profondamente il prospetto principale mentre modifiche di maggiore consistenza furono apportate, tra il 1841 e il 1845, dall’architetto Giuseppe Pollini Rizzardi. La pavimentazione interna, realizzata in cotto e marmo di Verona, fu sostituita nel 1889 con elementi marmorei a policromia in bianco e nero.
All’interno sono conservate numerose opere sacre di valore storico ed artistico. La cattedrale è da poco stata riaperta al culto dopo attento restauro che ne ha recuperato l'originario splendore





Cosa visitare in zona


Gallery



Gallery

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario
Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO