Torna alla ricerca delle sagre!

Borgo di Castell’Arquato

PT1nTQ==/PT1nTjBrak0=_castellarquato.jpg

Il nome
Il toponimo può derivare da Caio Torquato, il patrizio romano che secondo tradizione fondò qui il primo castrum o, più probabilmente, da castrum quadratum, che nei documenti tardo-medievali indica la pianta a forma quadrangolare del castrum.

 

La storia
II sec. a.C., sorgeva probabilmente agli inizi di questo secolo una struttura difensiva romana contro le minacce dei Liguri.
565, il piccolo insediamento sopravvissuto alle invasioni barbariche è toccato da una terribile pestilenza.
756, si ha la prima notizia della pieve di Castell’Arquato, che sotto il nobile Magno è già una corte (curtis) organizzata, con un suo mercato e l’amministrazione della giustizia. Alla sua morte nel 789, Magno dona i suoi possedimenti al vescovo di Piacenza. Il borgo passa così sotto il dominio feudale di quest’ultimo, che durerà fino al 1220, quando il vescovo concederà al comune tutti i suoi beni in enfiteusi.
1220-23, è la breve fase del libero comune, cui segue quella dei Podestà nominati dal comune di Piacenza tra le famiglie più illustri, quali gli Scotti e i Visconti.
Nel 1256 il borgo, di parte guelfa, resiste al memorabile assedio del ghibellino Pallavicino.
1290, il periodo podestarile termina quando Alberto Scotti diventa signore di Piacenza e dunque anche di Castell’Arquato, da cui viene cacciato nel 1304, per ritornarvi tre anni dopo e governare fino al 1316, l’anno del furibondo scontro con Galeazzo Visconti. Questi mette sotto assedio la rocca con una poderosa armata. Lo Scotti vi si asserraglia dentro con i suoi armigeri e tremila contadini ma dopo lunga resistenza deve arrendersi. Inizia il dominio visconteo che dura fino al 1450. Nel 1342 Luchino Visconti fa costruire la rocca.
1450, il borgo passa alla dinastia Sforza, il cui governo si conclude nel 1707, quando il territorio arquatese entra a far parte del Ducato di Parma e Piacenza. I nuovi signori sono i Farnese e i Borboni, fino all’avvento di Napoleone. 1805, montanari piacentini si sollevano contro i francesi devastando il palazzo Pretorio. 1860, i domini di Maria Luigia d’Austria passano ai Savoia e quindi allo Stato italiano.

 

Museo di vita medievale: piazza del Municipio, tel. 0523 803215. Situato nella Rocca Viscontea, è una finestra aperta sul passato del borgo.

Museo della collegiata: piazza Don Cagnoni, tel. 0523 805151. Vale già l’entrata il magnifico chiostro con il suo pozzo; le sale espongono reperti archeologici, marmi con iscrizioni medievali, oggetti liturgici, sculture e dipinti. L’archivio storico conserva documenti in pergamena a partire dal 1120.

Museo Geologico G. Cortesi: via Sforza Caolzio 57, tel. 0523 803215. Conserva fossili e resti di balene provenienti dalla Riserva naturale geologica del Piacenziano.

Museo Luigi Illica: via Sforza Caolzio 57, tel. 0523 803215. Situato proprio accanto alla casa natale di Illica, il museo raccoglie spartiti, manoscritti, abiti di scena, lettere e testimonianze.

 

Monterosso Festival, metà aprile: al vino bianco da aperitivo prodotto nella zona di Castell’Arquato, è dedicata una manifestazione che riunisce l’eccellenza dei produttori della Val d’Arda. Il Monterosso si degusta lungo le vie del borgo e si conosce in tutte le sue declinazioni grazie ai sommelier nell’Enoteca Comunale: www.monterossofestival.it.

Silver Flag, metà-fine giugno: gara di auto d’epoca sul percorso Castell’Arquato – Vernasca, dedicata ogni anno a una casa automobilistica diversa.

Rivivi il Medioevo, primo weekend di settembre: corteo in costume, tornei e combattimenti medievali, accampamento militare delle scuole d’arme da tutta Europa lungo il fiume Arda, mercatino e ristorazione a tema.

 

Monterosso Festival, metà aprile: al vino bianco da aperitivo prodotto nella zona di Castell’Arquato, è dedicata una manifestazione che riunisce l’eccellenza dei produttori della Val d’Arda. Il Monterosso si degusta lungo le vie del borgo e si conosce in tutte le sue declinazioni grazie ai sommelier nell’Enoteca Comunale: www.monterossofestival.it.

Silver Flag, metà-fine giugno: gara di auto d’epoca sul percorso Castell’Arquato – Vernasca, dedicata ogni anno a una casa automobilistica diversa.

Rivivi il Medioevo, primo weekend di settembre: corteo in costume, tornei e combattimenti medievali, accampamento militare delle scuole d’arme da tutta Europa lungo il fiume Arda, mercatino e ristorazione a tema.



Aggiungi questo evento al tuo calendario!

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario

Condivi questa sagra ai tuoi amici!

Dal 21/10/2020 al 31/12/2020

Prodotto Tipico: borgo



Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO