Torna alla ricerca delle sagre!

Parco Terramara di Montale

PT1nTQ==/PT1nTjBjak0=_montale1.jpg

Via Vandelli (Statale 12 – Nuova Estense)
41050 Montale Rangone - Modena, Italia
Telefono:059 203 3126 - 3101/ 059 532020
E-mail: museo@parcomontale.it

 

Le Terramare

 

 

tearramare1.jpg

Nei primi decenni dell’ottocento il nome terramare era utilizzato per indicare cave di terriccio organico scavate entro basse collinette, frequenti a quei tempi nel paesaggio della pianura padana.
Le collinette non avevano un’origine naturale e il terreno che le costituiva, venduto per concimare i campi, era ricco di resti archeologici. Per lungo tempo questi resti furono attribuiti ad abitati o necropoli di età romana o celtica.

Solo dopo il 1860, quando in Italia cominciarono ad intensificarsi le ricerche scientifiche di preistoria, ci si rese conto che la vera origine di queste collinette era attribuibile a villaggi dell’età del bronzo e da allora il termine terramara fu utilizzato dagli archeologi per indicare questi abitati.

Grazie ai numerosi scavi le terramare divennero famose in tutta Europa e i loro resti andarono ad arricchire i musei della regione. Gli scavi effettuati negli ultimi vent’anni hanno dimostrato che le terramare erano villaggi fortificati databili fra l’età del bronzo media e recente (ca. 1650 - 1170 a.C.), circondati da un terrapieno e da un fossato.
La dimensione di questi abitati variava: da 1-2 ettari nelle fasi più antiche fino a 20 ettari nelle fasi più avanzate. Le case, disposte all’interno del villaggio secondo un modulo ortogonale, erano frequentemente costruite su impalcati aerei come le palafitte, sebbene diversamente da queste non sorgessero in aree lacustri o fluviali. Le case erano affiancate e separate da strade molte strette (tra m. 1,5 e m. 2,5).
Strade di dimensioni più grandi dovevano rappresentare le arterie principali del villaggio. Erano poi presenti spazi aperti destinati al ricovero di animali, a depositi o ad aree di riunioni.ipotesi ricostruttiva di un settore della terramara di Montale (disegno R. Merlo) I villaggi erano molto frequenti e tutta l’area comprendente la pianura emiliana e le zone di bassa pianura delle province di Cremona, Mantova e Verona era densamente abitata il numero complessivo degli abitanti era molto alto per quel tempo, poteva aggirarsi fra 150.000 e 200.000.

La società era organizzata secondo un modello partecipativo che coinvolgeva tutta la comunità anche se erano attestate già differenze economiche e sociali. Oltre ai capi, i guerrieri rappresentavano l’elite emergente e un certo status privilegiato dovevano avere anche le loro donne. Importante era inoltre il ruolo degli artigiani metallurghi che realizzavano spade, pugnali, lance, spilloni, fibule, rasoi, ma anche attrezzi per l’agricoltura come i falcetti. Nelle fasi più tarde le differenze fra i villaggi dovettero acuirsi e cominciarono a formarsi centri più importanti accanto ad altri che avevano probabilmente una funzione di centri minori. Attorno al 1200 a.C. il mondo delle terramare entrò in crisie dopo qualche decennio le terramare scomparvero. Gli archeologi non hanno ancora una risposta per spiegare questo fenomeno ma è possibile che una serie di cause, antropiche e naturali, abbiano determinato la fine del sistema terramaricolo. Tra queste non si può escludere un peggioramento climatico, anche di scarsa entità, che potrebbe aver procurato una crisi dell’economia agricola, base del sostentamento degli abitanti delle terramare. Il cambiamento di clima, tuttavia, non sembra poter essere l’unica causa di un collasso così drastico.

La fine delle terramare rappresenta dunque ancora oggi un problema non risolto.

 

Area archeologica

 

 


terrapieno.jpgGli scavi nella collinetta di Montale, iniziati nella seconda metà dell’800 e ripresi dopo oltre un secolo nel 1996, hanno portato alla luce i resti di una terramara.

Gli scavi sono stati resi visitabili in uno spazio museale compatibile con il paesaggio naturale e storico.

 

Il Terrapieno

Il terrapieno difensivo della terramara di Montale fu individuato e rilevato già nell’800 da Carlo Boni, autore dello scavo e primo direttore del Museo Civico di Modena. Dalle note e dalle sezioni di scavo che ci ha lasciato, sappiamo che aveva dimensioni imponenti. La larghezza massima alla base era almeno di dieci metri mentre l’altezza conservata è di due metri, anche se l’elevazione originaria doveva essere ancora più alta e ulteriormente accresciuta da una palizzata che con ogni probabilità si trovava sulla sommità. Negli scavi ottocenteschi non venne però individuato il fossato, che è stato invece riconosciuto nelle ricerche recenti che hanno evidenziato come le sue dimensioni davvero rilevanti raggiungendo in alcuni punti un’ampiezza di oltre 35 metri, mentre la profondità era di circa tre metri dal piano di campagna circostante.

Area di scavo

Originariamente la terramara di Montale aveva un’estensione di circa un ettaro, con l’esclusione del fossato che circondava interamente il villaggio. Nell’area archeologica sono state evidenziate le tracce delle fortificazioni ed è stato musealizzato il settore degli scavi 1996-2001 dove si possono osservare la stratigrafia archeologica alta oltre tre metri ed uno dei piani orizzontali dello scavo, entrambi realizzati attraverso calchi perfettamente simili alle superfici originali, non essendo possibile per motivi di conservazione esporre i resti organici di legno. Lo scavo ha messo in luce una stratigrafia molto articolata che ha consentito di ripercorrere le fasi di vita del villaggio, grazie anche al rinvenimento di numerosi resti lignei riferibili a strutture abitative. Sono stati individuati i resti di cinque abitazioni successive, di un granaio e di un'officina metallurgica. Grazie all'abbondanza di dati strutturali pertinenti al periodo più antico del villaggio, fase I e fase II, è stato possibile risalire alle planimetrie di due abitazioni e ricostruirle nel museo all'aperto. La datazione è stata ottenuta attraverso i materiali archeologici e le datazioni radiocarboniche che indicano per la terramara di Montale un arco cronologico compreso fra Bronzo Medio 2 e Bronzo Recente 1, cioè tra XVI e inizio XIII secolo a.C. I dati provenienti dagli scavi stanno fornendo un’ingente mole di informazioni scientifiche sugli aspetti archeologici ma anche sulle attività economiche e l’ambiente delle terramare. Grazie a ricerche specialistiche, è stato possibile ricostruire la situazione climatico-ambientale e comprendere che la comunità di Montale basava la sua sopravvivenza su un’agricoltura già piuttosto avanzata, costituita prevalentemente da cereali e in secondo luogo da alcuni legumi e sull’allevamento di caprovini, suini e bovini. Tra i resti archeologici prevale il vasellame ma sono attestati anche numerosi reperti in bronzo, corno di cervo, ambra. Particolarmente importante la presenza di alcuni oggetti in legno fra cui un piccolo aratro, resti di archi, un coltello, un’immanicatura di falcetto.

Tracce della cinta medievale

Agli inizi del XII secolo sulla collinetta si trovava un castello la cui fondazione forse risale a qualche tempo prima. Del castello sono stati trovati alcuni resti murari sottostanti l’attuale casa parrocchiale, tracce di una torre e della cinta che ripercorreva il perimetro del terrapieno terramaricolo. Lo stesso campanile dell’attuale chiesa potrebbe essere stato costruito proprio dove sorgeva la torre principale del castello.

 

Museo all'aperto

 

 

La ricostruzione a grandezza reale di una parte del villaggio terramaricolo, così come è stato possibile dedurla dai dati archeologici, costituisce il settore del Museo all’aperto del parco di Montale.

 

Fortificazione e porta del villaggio

All’interno del villaggio è stata ricostruita una porzione delle fortificazioni costituite dal fossato e dal terrapieno. Le due strutture rendono l’idea delle possenti difese artificiali che circondavano la terramara di Montale. Il fossato, che ha dimensioni più ridotte rispetto all’originale (ca. 20 metri anziché 35), oltre a fungere da barriera per i nemici, rappresentava anche una preziosa riserva idrica. Il terrapieno è munito di una palizzata per aumentare la protezione del villaggio e dei suoi difensori in caso di attacco.

La porta è arretrata e affiancata da due avamposti. Tale posizione è attestata in alcuni insediamenti dell’età del bronzo italiani ed europei ed aveva una funzione difensiva.

Ricostruzioni di abitazioni dell'età del bronzo

Oltrepassata la porta sono visibili due abitazioni. Naturalmente, nella realtà, il villaggio conteneva un numero più consistente di case. Per Montale possiamo presumere che il numero fosse compreso circa fra le trenta e le quaranta abitazioni, con una quantità di abitanti prossima a centocinquanta persone. Le case erano affiancate e separate da strade molto strette. Strade di dimensioni più grandi dovevano rappresentare le ”arterie” principali del villaggio. Erano poi presenti spazi aperti destinati al ricovero di animali, a depositi o ad aree di riunione.
La forma delle due abitazioni è stata dedotta dalle testimonianze individuate nello scavo, in particolare utilizzando le planimetrie delle abitazioni delle due fasi più antiche del villaggio (fase I e fase II), che risultavano più complete.
Si tratta in tutti e due i casi di strutture sopraelevate sul terreno, suddivise internamente in navate costituite da file di pali portanti affiancati da altrettanti pali più bassi che servono per sostenere l’assito ligneo del pavimento. La copertura è a doppio spiovente realizzato con fascine di canne palustri fissate alla trama lignea del tetto. Le pareti sono state realizzate con un impasto di limo, sabbia e sterco di cavallo steso su un’intelaiatura di rami o canne palustri.
L’arredo e gli oggetti che si trovano nelle due abitazioni sono stati riprodotti fedelmente sulla base di originali trovati negli scavi di Montale o comunque da esempi provenienti da altre terramare e da contesti archeologici dello stesso periodo. L’allestimento è stato caratterizzato da riferimenti ad attività domestiche e artigianali (metallurgia, tessitura, ceramica, lavorazione del corno di cervo) e personalizzato attorno a figure sociali (guerriero, artigiano, figure femminili di rango).

Le fornaci

Nelle vicinanze delle abitazioni sono stati costruiti due forni per la cottura della ceramica, utilizzati per la realizzazione di vasellame di medie e grandi dimensioni.

Entrambe le fornaci sono composta da una camera circolare a cupola realizzata in terra argillosa impastata con fibre vegetali, un’imboccatura frontale e di un camino retrostante per favorire e controllare il flusso d’aria.

Le coltivazioni

Gli abbondanti ritrovamenti di reperti botanici hanno fornito informazioni utili per ricostruire l’aspetto del territorio di Montale nei secoli a cavallo del II millennio a.C.
Nel settore del Museo all’aperto sono state impiantate le colture sperimentali di alcune delle piante documentate dagli scavi archeologici: cereali (segale e miglio), legumi (favino, lenticchia, cicerchia, piselli) e lino.







Aggiungi questo evento al tuo calendario!

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario

Condivi questa sagra ai tuoi amici!

Dal 18/05/2020 al 30/06/2020

Prodotto Tipico: parco archeologico



Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO