Torna alla ricerca delle sagre!

61° SAGRA DEI CROTTI di CHIAVENNA

sagre_e_borghi_cover_sagra.jpg

E' tutto pronto a Chiavenna (SO) per la 61° Edizione della Sagra dei Crotti, la manifestazione gastronomica più importante della città. E come ogni anno, il successo di pubblico è davvero strepitoso.

Chi ama la Sagra dei Crotti, negli ultimi anni ha imparato ad apprezzarla ancor di più per la sua formula innovativa che unisce gastronomia di qualità e scoperta di nuclei spesso dimenticati.

La 61°Edizione avrà inizio Domenica 6 Settembre 2020 per poi riprendere il fine settimana successivo da Venerdì 11 a Domenica 13 Settembre 2020.

Attrazione principale è “Andèm a Cròt”, la divertente escursione enogastromica, la cui formula annovera sempre elementi di novità.   Gli “Andèm a Cròt” sono dei percorsi eno-gastronomici che vi accompagneranno alla scoperta di alcuni crotti privati a Chiavenna e dintorni, nascosti negli angoli più suggestivi e alla scoperta del “sorèl”.   Prenotate un Percorso Andem a Crot o partecipate recandovi liberamente presso un Crotto convenzionato aperto esclusivamente per l’occasione 

Nei crotti sarà possibile gustare i piatti tipici della tradizione Valchiavennasca come i famosi gnocchetti di Chiavenna, la brisaola della Valchiavenna, carne e verdure alla pioda, i biscottini di Prosto e la deliziosa torta fioretto.     Anche quest’anno, come ormai è consuetudine, la manifestazione si arricchisce di un’infinità di proposte che vanno ad ampliare l’offerta dell’intera Sagra dei Crotti, generando una molteplicità di occasioni di svago e confronto per qualsiasi turista.  

STORIA

La sagra non è solo Sòrel, vino e bresaola, è tutto questo e altro ancora! È gente riunita insieme per bere, mangiare, cantare e divertirsi riscoprendo e tramandando la cultura locale del crotto.”

 

Si vende vino bono e si tiene scola de umanitàNel 1929, quando la cultura del crotto era già in piena fioritura, il poeta chiavennasco Giovanni Bertacchi scrisse: “Anche i crotti, delizia degli enofili e terrore per gli astemi, disseminati per il Mandamento a gruppi, a nidiate, a filari, o appartati come eremiti, tra il nero del sasso e il verde delle viti e dei boschi, anche i crotti, sacri alle agapi domestiche e alle libazioni amichevoli, nei quali, come immani casse armoniche, si accordano, o allegri o patetici, i cori delle nostre convalli, rivelano a chi bene li mediti un loro senso più ideale e più alto…”. Si può capire come il crotto sia sempre stato un elemento fondamentale nella vita delle comunità della Valchiavenna e abbia integrato sia la cultura collettiva che i comportamenti sociali dei convalligiani.

Il vero crotto non è una comune cantina perché ha un elemento che lo contraddistingue: il “sorel” (dal dialettale “sorà”, ventilare), cioè uno spiraglio naturale tra le rocce da cui soffia una corrente d’aria che mantiene in ogni stagione la temperatura pressoché costante, tra i 4 e gli 8 gradi sopra lo zero, risultando così fresca d’estate e tiepida d’inverno; si è formato dall’addossarsi dei macigni precipitati dai fianchi delle montagne a causa delle frane post-glaciali, fenomeno fisico ancora in fase di studi e soggetto di numerosi volumi.

Il nome crotto invece si fa derivare da “crypta” in latino o dal medievale “crota”, cioè grotta. Venne sfruttato come un vero e proprio “frigorifero a costo zero” costruendo una parete e rinchiudendo il sorèl, dove mettere il vino, i salumi, a cominciare dalla Brisaola che è nata in Valchiavenna, e i formaggi a maturare; all’esterno invece, tra prati e rocce, furono ricavati rustici tavoli e panche dove ritrovarsi e stare in compagnia. Il tutto è nato a dimensione familiare allargato solo a parenti, ospiti e amici; solo da circa un secolo si è iniziato ad aprire qualche crotto al pubblico come osteria-ristorante dove vengono proposti menù tipici locali.

Sagra anni 70 - Foto 1 Sagra anni 70 - Foto 2 Sagra anni 70 - Foto 4 Sagra anni 70 - Foto 5 Sagra anni 70 - Foto 6 Sagra anni 70 - Foto 8 Sagra anni 70 - Foto 9 Sagra anni 70 - Foto 10

Nel 1956 nacque la Sagra dei Crotti che, dopo una pausa dal 1961 al 1965 fu ripresa e continua tuttora; si svolge durante i primi due weekend di settembre e si tratta di una manifestazione voluta per valorizzare, far conoscere e tramandare la tradizione del crotto. In questa occasione anche molti crotti privati vengono aperti e gestiti da consorzi, associazioni sportive e di volontariato finanziando così con i proventi le loro attività; alcuni sono inseriti nei percorsi enogastronomici “andèm a cròt” iniziativa che si ispira al percorso del gusto delle città slow, mentre altri possono essere frequentati come normali ristoranti che offrono menù tipici locali. Il motto di questa importante manifestazione che attira numerosi turisti è: “Si vende vino buono e si tiene scola de umanità” (frase scritta del 1781 ritrovata nel crotto Giovanantoni a San Giovanni in Chiavenna).

La sagra non è solo Sòrel, vino e bresaola, è tutto questo e altro ancora! È gente riunita insieme per bere, mangiare, cantare e divertirsi riscoprendo e tramandando la cultura locale del crotto.

   

Aggiungi questo evento al tuo calendario!

aggiungi a google calendar Scarica file ics per aggiungerlo al tuo calendario

Condivi questa sagra ai tuoi amici!

Dal 06/09/2020 al 13/09/2020

Prodotto Tipico: prodotti tipici



Copyrights © 2018 Sagre & Borghi
Sagre & Borghi è un marchio di proprietà di Box Service Edizioni e dwb s.r.l.

Box Service S.a.s. - Via Canaletto 109/B 41030 SAN PROSPERO sul Secchia (MO) - P.I & CF 01819040369
dwb s.r.l. – Via Matteotti 7/1 – Finale Emilia (MO) – Email: info@dwb.it Tel: +39 0535760305 – P.iva: IT02067651204 – Capitale Sociale €10.000 iv
Questo Sito utilizza cookie. Cliccando su ACCETTO o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni Leggi di più    ACCETTO